Realizzare un tetto oggi significa rispondere, grazie all’evoluzione delle tecnologie costruttive ed alla ricerca di materiali ecocompatibili, alle esigenze di comfort abitativo, salubrità e benessere, non si parla più di costruire una semplice copertura.

Una copertura in legno è leggera, ben isolata, naturale e di grande impatto estetico, rappresenta quindi un grande valore aggiunto per la vostra abitazione.

La copertura è la superficie della casa maggiormente esposta, e quella che richiede una più attenta cura dei dettagli che la compongono, partendo dal suo isolamento fino ad arrivare al design estetico.

Le coperture in legno L.A. COST offrono una totale libertà di personalizzazione, donando alla vostra casa PRESTIGIO, ELEGANZA ed UNICITA’.

PROPRIETA' DEL LEGNO

Isolamento termico e Risparmio energetico

Il legno ha un’ottima capacità di isolamento, infatti il suo coefficiente di conducibilità termica, a parità di spessore, è un terzo di quello del laterizio ed un decimo di quello del calcestruzzo. Non venendosi quindi a creare dei ponti termici, che generano condense e dispersioni, le prestazioni energetiche ed il comfort abitativo della struttura migliorano sensibilmente.

       *conducibilità termica: è la capacità di un materiale di condurre calore.

Isolamento acustico

Le travi in legno grazie all’elasticità ed alla porosità intrinseca del materiale, trasmettono alla struttura minori vibrazioni rispetto a calcestruzzo ed acciaio, riducendo quindi la diffusione delle onde sonore.

Risparmio economico e Velocità di realizzazione

Una copertura in legno lamellare, essendo una struttura prefabbricata in stabilimento, riduce notevolmente i tempi di cantiere. Lavorazioni e trattamenti di ogni elemento, infatti, vengono già completati in stabilimento e non saranno necessarie, quindi, ulteriori finiture dopo l’installazione.

Ideale per ristrutturazioni

La struttura una volta installata è immediatamente in grado di sostenere il carico di esercizio, senza tempi di maturazione, questo consente di proseguire con le successive fasi di cantiere, ovvero il montaggio del pacchetto termico, dell’ impermeabilizzazione e del manto, questo la rende una tecnologia ideale per gli interventi di ristrutturazione, poiché limita l’esposizione delle strutture sottostanti alle intemperie.
La ristrutturazione viene poi oltremodo agevolata dalla leggerezza del legno che, limitando di molto il carico permanente della struttura, rende più semplici ed economiche le opere di rinforzo delle strutture esistenti.

Antisismico e Leggero

La leggerezza del legno e la sua elasticità lo rendono un materiale particolarmente adatto a resistere ad eventi sismici. Avere una densità cinque volte inferiore rispetto al cemento significa ricevere una sollecitazione sismica cinque volte minore. L’elasticità, invece, permette alla struttura di non subire danni dalle oscillazioni. In definitiva una struttura in legno non solo è in grado di resistere al sisma, ma ne esce, salvo casi particolari, anche sostanzialmente illesa e senza danni strutturali.

Resistente al fuoco

Premesso che le strutture portanti non sono mai causa d’incendio.
È noto che il legno sia un materiale combustibile, ma questo non significa che non possieda resistenza al fuoco o che le strutture in legno siano più vulnerabili rispetto alle strutture in acciaio o in calcestruzzo.
Il legno, infatti, brucia molto lentamente, in quanto la carbonizzazione, che procede circa di un 0,7 mm al minuto, rallenta il propagarsi della combustione. La struttura è quindi in grado di resistere in modo deciso e prolungato agli incendi, indipendentemente dalla temperatura raggiunta.

La rottura meccanica avviene solo quando la parte di sezione non ancora carbonizzata è ridotta a tal punto da non essere più in grado di assolvere alla sua funzione strutturale. Inoltre, il basso coefficiente di dilatazione termica limita notevolmente le spinte esercitate sui muri perimetrali e quindi i rischi di crollo.

Possiamo affermare che la perdita di efficienza di una struttura di legno avviene per riduzione della sezione e non per il decadimento delle sue caratteristiche meccaniche.

Se confrontiamo il comportamento al fuoco del legno con quello di materiali da costruzione più tradizionali utilizzati nel nostro paese, verso i quali non c’è alcun pregiudizio rispetto alla loro resistenza al fuoco non essendo materiali combustibili, si capisce ancora meglio perché il legno non parta svantaggiato ma al contrario possa essere addirittura preferibile:

  • Gli elementi strutturali in acciaio non bruciano, ma subiscono un rapido decadimento delle caratteristiche meccaniche (resistenza e rigidezza) in funzione della temperatura; essendo l’acciaio un buon conduttore di calore, la temperatura sale rapidamente in tutta la sezione; superati i 500°C l’acciaio si deforma portando, in un tempo stimato tra i 5 e i 10 minuti, ad un collasso della struttura.
  • Negli elementi strutturali in calcestruzzo armato, l’acciaio è protetto da un copriferro di spessore variabile e, quel che è peggio, è talvolta costituito in alcune zone da un calcestruzzo mal compattato e scarsamente omogeneo. Questi punti deboli, nel caso di un incendio, diventano dei canali preferenziali per il flusso termico, provocando un innalzamento localizzato della temperatura che può arrivare a superare i 500°C in un tempo brevissimo anche in presenza di un copriferro relativamente spesso.

Durevole nel tempo

Le coperture in legno garantiscono un elevata durevolezza nel tempo, lo testimoniano le numerose strutture storiche disseminate nel mondo ed in tutto il nostro paese. Ad oggi le ultime tecnologie di produzione, che prevedono un attento processo di essiccamento del legno utilizzato per impieghi strutturali, portano il singolo pezzo di legno ad avere un’umidità relativa molto bassa. Questo determina un habitat sfavorevole per l’insediamento e la sopravvivenza di muffe ed insetti, se poi si aggiunge l’utilizzo di nuovi trattamenti di impregnazione antisettici la garanzia di durevolezza è totale.

Poca manutenzione

L’elevata durevolezza significa anche ridotti costi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, che sono invece molto importanti per le strutture in acciaio quali controlli della corrosione, trattamenti antiruggine e tinteggiature.

Resistenza a trazione, flessione e compressione

Il peso contenuto e la grande resistenza lo rendono un materiale eccezionale per la costruzione, infatti, il carico ammissibile di sollecitazione esterna, rispetto ai calcestruzzi prodotti in stabilimento, è leggermente più alto in compressione e decisamente maggiore in trazione e flessione.

I valori di resistenza del legno lamellare sono molto simili a quelli dell’acciaio, rispetto al quale risulta essere più performante in termini di carico di punta e flessione grazie al peso nettamente inferiore.

Ridotta sensibilità a sbalzi termici

La dilatazione dovuta agli sbalzi termici è estremamente contenuta, addirittura quella effettiva è anche inferiore a quella teorica in quanto compensata dal ritiro dovuto alla diminuzione dell’umidità interna, conseguente all’aumento di temperatura. Si pensi che il legno ha un coefficiente di dilatazione lineare pari ad un terzo di quello dell’acciaio.

Soluzione giusta per ogni progetto

La grande duttilità del materiale consente la realizzazione, con precisione assoluta, di molteplici sistemi di estrema complessità e forme di grande fascino, sia tramite incastri legno-legno che mediante la realizzazione di collegamenti con elementi metallici.

l legno è l’unico materiale da costruzione che proveniente da risorse rinnovabili, quindi a basso impatto ambientale.

Durante la crescita gli alberi trasformano CO2 e acqua producendo ossigeno. Utilizzare il legno come materiale per l’edilizia, vuol dire stoccare, negli elementi prodotti, tutta la CO2 utilizzata dagli alberi. Ogni metro cubo di legno, utilizzato in sostituzione di altri materiali costruttivi, riduce in media di 1,1 tonnellate le emissioni di CO2 rilasciate nell’atmosfera. 

Costruire in legno vuol dire ridurre il consumo di energia in tutte le fasi del ciclo di vita dell’edificio: produzione, trasporto, costruzione, esercizio e smaltimento, tenendo presente che è un materiale totalmente riciclabile. Edificare con il legno significa sostenere un processo che promuove lo sviluppo economico salvaguardando la salute dei singoli, della società e dell’ecosistema, senza sprecare risorse.

TETTO VENTILATO

Il tetto ventilato è un sistema di elementi complementari che insieme contribuiscono al raggiungimento di elevate prestazioni del pacchetto di copertura quali “Comfort Abitativo” e “Risparmio Energetico”.

L’aria all’interno della camera di ventilazione si mette in moto grazie alla differenza di temperatura.

In estate la differenza di temperatura è data dal surriscaldamento del manto di copertura e dall’aria presente nella camera di ventilazione (temperatura ambiente).

D’inverno la differenza di temperatura è generata dal calore proveniente dall’ambiente sottostante e dalla temperatura dell’aria dentro la camera di ventilazione.

La copertura (nella stagione estiva) e l’ambiente sottostante (nella stagione invernale) sono le sorgenti di trasferimento del calore all’aria immagazzinata all’interno della camera di ventilazione.

L’aria, aumentando la sua temperatura, aumenta di conseguenza il suo il volume e diminuisce la sua densità, si innesca così il moto ascendente (dalla gronda al colmo) dell’aria all’interno dell’intercapedine, richiamando aria fresca dalla sezione di ingresso presente lungo tutta la linea di gronda e consentendo la sua fuoriuscita lungo la sezione sulla linea di colmo.

Tetto ventilato in legno
VANTAGGI

Freno vapore Isolante Telo ad alta traspirazione Formazione della camera di ventilazione Chiusura della camera di ventilazione Membrana impermeabilizzante Formazione del colmo ventilato

Grazie al tetto ventilato, l’isolante non riceve calore dal manto per conduzione diretta, lavorando nelle sue condizioni di rendimento ottimale.

In estate la camera di ventilazione permette lo smaltimento del calore accumulatosi sul tetto a causa dell’irraggiamento solare, impedendone l’irradiazione verso l’interno, migliorando così il comfort abitativo degli ambienti sottostanti con conseguente risparmio energetico.

In inverno la corrente ascensionale mantiene asciutto l’isolante termico eliminando così fenomeni di condense e/o muffe al suo interno e garantendo la durata nel tempo degli elementi costruttivi del tetto.

In presenza di neve lo scioglimento avviene in modo graduale in funzione della temperatura esterna evitando scivolamenti con conseguenti accumuli di ghiaccio sullo sporto di gronda della copertura e quindi danneggiamenti del medesimo.

DESIGN

Il tetto in legno oltre agli importanti vantaggi legati alle prestazioni fisiche del materiale vanta un’innegabile duttilità che lo rende adatto a qualsiasi soluzione.

Il legno è un materiale per sua natura nobile ed elegante che mantiene un’immutata bellezza nel tempo e regala il calore di un ambiente accogliente.

Chiunque voglia dare prestigio alla propria abitazione non può prescindere da una copertura in legno, che grazie ad un design accattivante e totalmente personalizzato dona quel tocco di stile in più che dà valore assoluto a tutta la struttura.

UNA SCELTA CONSAPEVOLE
albero 345x300

Perfetto per costruire

LACOST-X-LAM

Tecnologia X-LAM

sostenibilità-ambiente_cube

Ecosostenibile

chi siamo 345x300

Affidabilità

TETTI IN LEGNO REALIZZATI

RIMANI IN CONTATTO
Parliamo del tuo progetto